Stralunata: personale di Keziat a Miami

image

Sbarca Oltreoceano l’artista pugliese Keziat con una personale, Stralunata è il titolo, a cura di Sabiana Paoli presso la sede a Miami della prestigiosa Società Dante Alighieri, realtà diffusa storicamente in diverse parti del Pianeta e avente la finalità di promuovere l’arte e la cultura italiana in un confronto attivo con il singolo territorio in cui si trova.

Nella cornice di una città, quale Miami, che ormai è diventata protagonista dell’arte contemporanea, in cui fioriscono molte gallerie di rilievo internazionale e in cui si tiene, ogni anno, una delle più importanti fiere espositive del mondo, Art Basel, Keziat potrà esporre le proprie opere in una personale, che possiamo definire perfettamente antologica, presso la Società Dante Alighieri: l’inaugurazione di Stralunata, infatti, avverrà Giovedì 19 Maggio alle ore 19,00 presso la sede di Miami della stessa Società Dante Alighieri. La mostra, curata da Sabiana Paoli, vede la promozione da parte di Volipiano Visual e della Società Dante Alighieri di Miami, così come viene organizzata in collaborazione con il Comune di San Severo Foggia, Italia, il Consolato d’Italia a Miami, Usa, la Società Dante Alighieri, Miami, Usa, il Museo Tuscolano Scuderie Aldobrandini, Frascati (Roma), Italia, il Comune di Frascati (Roma), Italia, la Sabiana Paoli art gallery, Singapore e, infine, l’Ambasciata d’Italia a Bangkok, Thailandia.

L’arte di Keziat esprime un’intima relazione con l’immaginazione e la fantasia, concedendoci uno spettro tecnico e compositivo variegato, che tocca l’illustrazione, attrverso la tenuta, sicura e e ferma, della biro, la suggestione infinita che l’inchiostro può concedere alla nostra visione, la video animazione e la video installazione, spaziando in un gioco di prospettive e di contrapposizioni, suggestive e intriganti, tra pieni e vuoti, creando un senso di profondità e di dinamica animazione delle forme e delle figure rappresentate, dove si percepiscono presenze di costanti osservatori mediatici. La visionarietà, così come è scritto nel catalogo che sarà disponibile alla mostra, che si esprime nella produzione di Keziat è tale da concederci un ingresso, visivo quanto interiore, in un itinerario che ci conduce in quello che è definibile come “racconto magico”, che si realizza e si evidenzia tramite disegno su carta e su tela, oltre sui supporti che abbiamo già descritto, esplicandosi in una poetica che esalta la fantasia, l’inganno, tutto estetico e concettuale, di una confusione e fusione tra reale e sovrannaturale, tra fisico e metafisico, andando oltre alla percepizione pura e invitando lo spettatore a oltrepassare il dato visivo per concedersi in una ricerca ulteriore in luoghi e spazi dell’animo, espressioni che si rappresentano con sintassi e alfabeti immaginifici, inconsci quanto vive esaltazioni del magma interiore. Un vivo espressionismo astratto quanto concettuale si forma e si propone nella produzione di Keziat in una composizione estetica che oltrepassa ogni limite e confine, anche puramente fisico e spaziale, che impone la realtà, fino a giungere a concederci uno sguardo universale e illimitato di una narrazione che si alimenta del reale e dell’esperienza umana vissuta.

Hybrids, testo critico unico a cura di Amalia di Lanno, è il progetto che segue l’artista in ogni sua personale per il mondo: dal 19 Maggio al 23 Giugno a Miami, appunto, presso la Società Dante Alighieri, mentre dal 21 Luglio al 13 Agosto ritornerà in Italia con In punta di penna a cura di Barbara Pavan, nel magistrale spazio espositivo del Museo Tuscolano Scuderie Aldobrandini di Frascati, provincia di Roma, ristrutturato e rivisitato dal celeberrimo architetto Massimiliano Fucksas, così come giungere, poi, dal 30 Settembre al 21 Ottobre a Bankok con The Invisible ink, nell’ambito del noto e importante festival italiano promosso dall’Ambasciata d’Italia a Bangokok, dove ogni anno sono proposti i più prestigiosi artisti italiani in Thailandia.

Keziat ha già potuto diverse volte portare le proprie opere in esposizioni all’estero: ricordiamo, appunto, Visionaria, ciclo di mostre tenutesi a partire dal 2012 per, poi, concludersi nel 2014, con personali tenutesi al MAT, Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo (Foggia), alla Casa Italiana Zerilli-Marimò di New York, al Centro Culturale Elsa Morante di Roma, alla Sabiana Paoli Art Gallery di Singapore e all’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam.

Gli orari di apertura al pubblico di Stralunata sono i seguenti: dalle 10 alle 19 dal lunedì al venerdì, mentre sabato dalle 9 alle 15, presso la Società Dante Alighieri di Miami, 300 Aragon Ave, Coral Gables, mentre per ulteriori informazioni rivolgersi al Press Office, Amalia Di Lanno, www.amaliadilanno.com, info@amaliadilanno.com.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...