Miky D canta l’Italia e le sue bellezze. L’intervista

Miky D, giovanissima artista con un’anima poliedrica e carismatica, ritorna in pista con un brano che esprime l’esigenza di riscatto; quello di un’Italia troppo spesso bistrattata, abbandonata a sé stessa, messa in ginocchio da politici e politicanti, soffocata dall’incuria e dall’indifferenza.

“Italia Wanna Do”, questo il titolo del nuovo singolo, risuona dunque come un inno accorato volto a risvegliare le coscienze degli italiani ed il loro saper fare. Lo stivale è puntellato da bellezze naturali ed architettoniche che vanno esaltate ed ammirate e Miky D, attraverso suoni che spesso diventano visioni, le ripercorre in un viaggio che sa di storia.

Copertina

Come e quando nasce la tua passione per la musica?

Difficile dire quando sia nata, credo di averla da sempre … in fondo è presente già nel mio Dna, trasferita in gran parte da mio padre che suonava la chitarra ed era un cultore di buona musica e collezionista di vinili. Ho sempre ascoltato di tutto, dal rock alla musica classica, senza precludermi mai di conoscere nuovi generi. Crescendo ho capito che avrei voluto vivere facendo musica e così mi sono applicata per intraprendere questo percorso e rendere onore a questa mia grande passione.

Come sei approdata alla consolle delle discoteche italiane ed europee?

È stato un percorso in crescendo partendo per caso da una discoteca milanese molto conosciuta (Holliwood). L’aneddoto è carino: mi trovavo in quel locale una sera per cantare una canzone in live durante la presentazione della collezione di abiti di un amico stilista ed il responsabile artistico del locale mi disse: “rimani con noi e facci sentire cosa sai fare”. A quel punto io non persi l’occasione di mostrare quanta voglia avessi di cantare . Poi da cosa nasce cosa… I locali ,gli organizzatori di eventi e pr si passano subito la voce riguardo nuovi artisti nel settore. Se dimostri di saper fare il tuo con umiltà ,passione e professionalità allora si può sperare che lo sforzo ti porti risultati.

Sei un’artista poliedrica e talentuosa; nel tuo background artistico non c’è solo musica ma anche televisione e cinema. Come riesci a convogliare tutte queste “anime”?

Le esperienze in TV sono state divertenti e in fondo le ho fatte un po’ per gioco e per mettermi alla prova! Grazie per il complimento, cerco di mantenere la stessa anima per tutti i settori che mi piace sperimentare.

Da qualche settimana è uscito il brano “Italia Wanna Do”. Vuoi raccontarci la “gestazione” di questo singolo?

Italiawannado è nata in freestyle su un balcone con vista mare. In tutta sincerità è bastata una chitarra e tanta spontaneità . Quello che volevo dire era già chiaro dentro di me e nel cuore del mio primo chitarrista Jimmy Kanaglia . La cosa più difficile è stata confezionare il pacchetto subito dopo. Abbiamo voluto lanciare una canzone sul mercato con un po’ di fretta prima delle uscite estive…però ,grazie al lavoro di tutto il team ,ce l’abbiamo fatta e ora lasciamo che l’energia che porta questa canzone faccia il suo corso!

A cosa ti sei ispirata e chi ti ha aiutato nella realizzazione del video?

Mi sono ispirata, insieme a tutto il mio team ,al concetto di un’Italia meravigliosa ma ribaltata dal sistema. Da lì è partita l’idea della bandiera italiana che copre la bocca e che metaforicamente rappresenta la censura e l’omertà italiana su problemi che si palesano ogni giorno. In alcuni frame abbiamo voluto addirittura posizionarla al contrario per dare più forza al messaggio. Per dirla tutta alcuni fan non hanno colto e pensavano fosse un errore ma io e tutta la crew ,regista compreso, siamo d’accordo sia stata la scelta giusta. Dall’idea alla realizzazione completa del video mi sono lasciata guidare dalla creatività e professionalità del regista che cura tutti i miei lavori. Lui è Beppe Gallo owner di Brain Storm Agency. Non credo ci sia una pozione magica per fare un video perfetto ma se ci metti le tue idee ,le idee di chi lavora con passione per te ,amici compresi, aggiungi un pizzico di follia e una punta di magia … Il gioco è fatto.

Foto Stampa

Altri progetti in cantiere?

Assolutamente si. Ho appena cominciato questa nuova scommessa con me stessa… Sperimentare le mie capacità nel cantautorato mi piace moltissimo perché vedo realizzarsi qualcosa che embrionalmente si trova solo nella mia mente …ed è bellissimo. Se devo dirla tutta ho scritto canzoni per 2 album ma la prossima uscita credo sarà quella del singolo “io e te” (arrangiamenti di Enrico Palmosi) che ho presentato alle selezioni di Sanremo Giovani 2016. Inoltre nel mio scrigno ho un gioiellino di canzone scritta da un caro amico e autore/chitarrista “ancora” (di Simone Borghi). Insomma le canzoni non mancano e nemmeno la voglia di realizzare a tutte l’abito giusto per potersi affacciare sul mercato. Sono sicura che insieme ad Up Music (di Enrico Palmosi,Sabatino e Antonio Salvati) per gli arrangiamenti e a New Music International (di Pippo e Monica Landro) come etichetta discografica, riusciremo a vivere una bella avventura nella realizzazione di un piccolo grande sogno. Spero di aver esaudito le vostre curiosità e vi ringrazio.

Articolo di Annabella Muraca

Ti potrebbe interessare anche...