Ennio Morricone. C’è un po’ di Italia negli OSCAR 2016 – Ecco tutti i vincitori

Sono stati consegnati domenica 28 febbraio, presso il celebre Dolby Theater di Los Angeles, gli 88° Academy Awards, i premi Oscar del cinema.

Come ogni edizione che si rispetti, anche quest’anno c’è stato grande fermento in attesa della serata di gala che finalmente ha rivelato i nomi dei vincitori: il più atteso di tutti quello di Leonardo DiCaprio che, dopo tanti anni in nomination è finalmente riuscito ad ottenere l’Oscar come miglior attore nel film “The Revenant – Il redivivo”.

Nella notte di Los Angeles c’è stato un riconoscimento che parlava per la quarantasettesima volta italiano (tante sono le statuette vinte dall’Italia nelle varie edizioni), stiamo parlando premio al Maestro Ennio Morricone come migliore colonna sonora originale del film “The Hateful 8”.

Ennio Morricone

Ennio Morricone

Sebbene si tratti del secondo premio Oscar ricevuto nella sua vita, è il primo per il suo lavoro, considerando che quello del 2006 lo aveva ricevuto Ad Honorem per il grande contributo dato all’arte cinematografiche con le sue colonne sonore. Questa volta invece il film di Quentin Tarantino ha dato l’assist perfetto al grande Maestro che, ad 87 anni risulta la persona più anziana ad aver vinto un Oscar per la “Miglior colonna sonora”.

Nel suo breve discorso di ringraziamento Morricone ha citato la moglie Maria, si è congratulato con gli altri candidati al premio (da John Williams per Star Wars: il risveglio della Forza a Thomas Newman per le musiche de Il ponte delle spie) ed ha ringraziato Tarantino spiegando che sono i grandi film a permettere di comporre grandi colonne sonore.

oscar_poster

Ecco nel dettaglio tutti i vincitori dell’ambita statuetta:

MIGLIOR FILM
Il caso Spotlight (Spotlight), regia di Tom McCarthy

MIGLIOR REGIA
Alejandro González Iñárritu- Revenant – Redivivo (The Revenant)

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA
Leonardo DiCaprio – Revenant – Redivivo (The Revenant)

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA
Brie Larson – Room

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
Mark Rylance – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
Alicia Vikander – The Danish Girl

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE
Tom McCarthy e Josh Singer – Il caso Spotlight (Spotlight)

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Charles Randolph e Adam McKay – La grande scommessa (The Big Short)

MIGLIOR FILM STRANIERO
Il figlio di Saul (Saul fia), regia di László Nemes (Ungheria)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
Inside Out, regia di Pete Docter e Ronnie del Carmen

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Emmanuel Lubezki – Revenant – Redivivo (The Revenant)

MIGLIORE SCENOGRAFIA
Colin Gibson e Lisa Thompson – Mad Max: Fury Road

MIGLIOR MONTAGGIO
Margaret Sixel – Mad Max: Fury Road

MIGLIORE COLONNA SONORA
Ennio Morricone – The Hateful Eight

MIGLIOR CANZONE
Writing’s on the Wall (Jimmy Napes e Sam Smith) – Spectre

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI
Mark Williams Ardington, Sara Bennett, Paul Norris e Andrew Whitehurst – Ex Machina

MIGLIOR SONORO
Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo – Mad Max: Fury Road

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO
Mark Mangini e David White – Mad Max: Fury Road

MIGLIORI COSTUMI
Jenny Beavan – Mad Max: Fury Road

MOGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA
Lesley Vanderwalt, Elka Wardega e Damian Martin – Mad Max: Fury Road

MIGLIOR DOCUMENTARIO
Amy, regia di Asif Kapadia

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
A Girl In The River: The Price Of Forgiveness – regia di Sharmeen Obaid-Chinoy

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Stutterer, regia di Benjamin Cleary e Serena Armitage

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE
Bear Story, regia di Gabriel Osorio Vargas

Ti potrebbe interessare anche...